Home Editoriale Quando la scienza è “scomoda”: i negazionisti del cambiamento climatico